Agriturismo il Giglio

Strada Prov. 9 Massama - 09170 (OR)

tel. (+39) 349 14 47 955 - (+39) 347 34 83 744

fax (+39) 0783 32 90 49

info@agriturismoilgiglio.com

Home
Dove siamo
L'azienda
Gli alloggi
Ristorante
Listino
Fotogallery
Dicono di noi
La provincia
Le spiaggie
Archeologia
Feste popolari
Mail
Link
 
 

Archeologia

   

Venire nella provincia di Oristano significa immergersi in una terra antica, ricca di segni lasciati da una lunga storia, pervasa di avvenimenti, dominazioni e delle influenze più varie.

L’attento viaggiatore avverte subito la specificità dell’ambiente e della natura aspra del territorio, cui fa da contraltare la ricchezza e la varietà dei monumenti,che abbracciano un arco di tempo molto ampio:  dal preistorico al punico - romano,al paleocristiano, al romanico, fino al gotico - spagnolo.

I monumenti della storia più antica dell’isola dominano il paesaggio, in genere fuori dei centri abitati, ma non solo...

 

 

La civiltà nuragica si sviluppò nel II millennio a. C. e perdurò per oltre 1500 anni. I nuraghi sono costruzioni tronco-coniche megalitiche. Il più importante è il nuraghe Losa di Abbasanta distante circa 35 chilometri. Si segnala dello stesso periodo il pozzo sacro per il culto delle acque di Santa Cristina di Paulilatino a 25 km.All'estremità meridionale della citata penisola del Sinis la città fenicia di Tharros, porto naturale riparato dai venti, consentiva l'approdo delle navi con qualsiasi condizione di tempo. A 3 chilometri a sud di Oristano, la basilica romanico-pisana di Santa Giusta, eretta nel 1135-1145, testimonianza della passata importanza dell'omonimo centro.

 

A Massama, si trova una singolare chiesetta, chiamata "Oratorio delle Anime". La chiesa è di epoca preromanica, ma non segue i canoni delle chiese bizantine, infatti la pianta non è a pianta centrale, bensì a forma di croce ansata, come l'ankh egiziano. La facciata romanica,risale all'inizio del XIII secolo, ma contiene ancora dei piccoli pennacchi sferici che appartengono alla più antica costruzione; l'abside a ferro di cavallo, il soffitto a travi e la cupola sono segni di influenze visigotiche dell' VIII secolo, il periodo immediatamente successivo al governo bizantino sull'isola